Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
Storia Nascosta
Gruppo Pegaso

Il parco dei Mostri di Bomarzo

Bomarzo - Il GiganteIl Parco dei Mostri fu fatto costruire da Vicino Orsini, uomo d'armi e letterato, presumibilmente dal 1552 al 1580. Numerose iscrizioni che accompagnano il visitatore ed i sedili disposti lungo l'itinerario ne fanno un luogo di passeggio e di meditazione. Varcato l'attuale ingresso sormontato dallo stemma degli Orsini, si incontrano due sfingi. Dal sentiero a sinistra, dopo circa cinquanta metri, si scende una scala di pietra: a sinistra si nota il volto di un uomo barbato. Scendendo una seconda scala, ecco l'impressionante gruppo del Gigante che lacera le membra di un avversario. Scendendo a valle al ripiano del terreno si presenta, presso una cascatella, un'enorme Tartaruga, sul cui dorso poggia una figurina femminile ammantata, accanto alla quale sorge dal terreno una testa di mostro infernale. Più avanti, una fontana sormontata da un Pegaso. Proseguendo il sentiero, si nota a sinistra un tronco d'albero scolpito su un masso e sulla destra un curioso basamento. Fatti alcuni passi, ecco a sinistra, preceduto da due leoncini e dalle Tre Grazie, il Piccolo ninfeo, con sedili e nicchie con statue.

A fianco, sulla destra del sentiero, una fontana alimentata da due delfini. Più avanti, a sinistra, una nicchia con una figura femminile che poggia su un drago, sormontata da due enormi maschere. Si arriva al Grande ninfeo ad emiciclo, preceduto da una gradinata. Nello spazio antistante sono collocati due basamenti con iscrizioni: quella di sinistra dice: SOL / PER / SFOGARE / IL CORE; quella di destra: VICINO / ORSINO / NEL / MDLII.

Pochi metri ed ecco la Casetta Pendente nel cui interno si provano emozioni da capogiro. Girando a sinistra e salendo una scala in pietra, si raggiunge un grande spiazzo rettangolare, detto Platea dei vasi perchè presenta sei vasi per ciascun lato lungo. Qui sono sparsi alcuni degli episodi plastici più singolari del parco. Sul lato di fondo il cosiddetto Nettuno ed a sinistra, spuntando dalla roccia, l'orrida testa di un Mostro marino somigliante ad un delfino, con le fauci spalancate. Ancora più a sinistra, verso la valle, una gigantesca figura di Ninfa dormiente. A monte, un pauroso Drago assalito da un leone e da un cane, e, più avanti, l'Elefante da battaglia che solleva con la proboscide un guerriero. Ritornando sui propri passi, dalla parte opposta del Nettuno, ecco una grandiosa figura femminile col capo coronato da un elegante vaso.

Più sopra, al sommo di una breve scalinata, l'Orco, enorme mascherone dalla bocca spalancata, nel cui interno è scavato un vano con bancali e tavolo di pietra. Sul labbro superiore si legge: OGNI PENSIERO VOLA. Risalendo il declivio, si incontra un gigantesco vaso monumentale, ma è decorato con tale cura da risultare prezioso come un'opera di un orafo. Prima di riprendere il cammino, volgendo lo sguardo a destra si nota un ariete coricato. Più avanti, un sedile di pietra a nicchia, detto Panca Etrusca nel cui fondo un'iscrizione espone in versi quanto il Sacro Bosco offre al visitatore: VOI CHE PEL MONDO GITE ERRANDO VAGHI / DI VEDER MARAVIGLIE ALTE ET STVPENDE / VENITE QVA DOVE SON FACCIE HORRENDE / ELEFANTI LEONI ORSI ORCHE ET DRAGHI.Bomarzo - Fontana del Pegaso

Dopo la sosta alla Panca Etrusca ci si incammina lungo il vialetto in salita e fatti i primi gradini sulla destra appare Cerbero, un'altra delle raffigurazioni demoniache, posta al limite della parte popolata di "mostri", e quella serena, costituita dalla spianata del Tempietto. Si è voluto vedere nella collocazione del guardiano degli Inferi, presso la scala che porta al ripiano superiore, proprio questa netta separazione di due mondi: quello passionale, espresso da gran parte delle sculture del bosco, e quello della spiritualità, in alto, dove le linee austere dell'architettura assumerebbero significato di purificata perfezione.

Non si sale l'ultimo tratto di scale, ma si gira a sinistra, e si incontra un sedile sormontato da un busto femminile a braccia aperte: siamo nel lato corto di uno spazio pianeggiante, detto Xisto. Esso è delimitato sui lati lunghi da file di pigne e ghiande decorative e, nel fondo, da due Orsi araldici: quello a sinistra porta lo stemma, quello a destra la rosa romana. Oltre gli Orsi è una piccola piazzetta che si affaccia verso il fondovalle, dove sono due colossali Sirene, una alata ed una bicaudata e, tra di esse, due leoni. Si prende a destra, e dopo aver superato un sedile a destra del sentiero, si nota, sempre a destra del sentiero, un timpano abbattuto, sul quale si vede a stento un guerriero ed una ninfa marina che tiene nella mano destra una melagrana.

Si tiene sempre a destra, arrivando nella parte più alta, al vertice del percorso: qui sorge il Tempietto, elegante edificio in antis, tetrastilo, innestato su un corpo ottagonale con cupoletta dedicato da Vicino Orsini alla sua seconda moglie Giulia, una principessa Farnese.

Ridiscendendo verso l'ingresso, si percorre un viale fiancheggiato da canefore giacenti in varie parti del Parco e qui collocate provvisoriamente: da notare Giano Bifronte e la Triplice Ecate. Nel fondo appare una Maschera demoniaca con la bocca spalancata sormontata da un globo con un castello, simbolo araldico del ramo orsiniano cui appartenne Vicino: gli Orsini di Castello.


 

Scrivi alla nostra e-mail e richiedi il calendario delle escursioni