Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

Atto umano

       E' un atto su cui l’uomo esercita il suo dominio e la sua sovranità; di cui quindi egli non è semplicemente causa bensì causa libe­ra. Si contrappone ad actus hominis (atto dell’uomo), che è un atto compiuto si dal­l’uomo, ma non liberamente, come respira­re, digerire, dormire ecc. "Si dice atto uma­no non qualsiasi atto compiuto dall’uomo o nel!’uomo, perché in alcuni atti gli uomini operano come le piante e i bruti, bensì un atto proprio dell’uomo. Ora, rispetto alle altre cose, l’uomo ha questo di proprio, di essere padrone del proprio atto (sui actus est domi­nus); pertanto qualsiasi atto di cui l’uomo è padrone, è propriamente un atto umano" (De Virt., q. 1, a. 4). Tra le tante divisioni che si possono fare dell’atto umano, S. Tommaso dà rilievo soprattutto alla divisione tra atti interni ed esterni: dei primi è consapevole soltanto l'a­gente, dei secondi possono avere conoscen­za anche gli altri.

 

Gli atti umani formano l’oggetto proprio della morale: questa infatti si propone di insegna­re all’uomo ad essere vero signore di sé stesso e dei propri atti, a padroneggiare le proprie operazioni finalizzandole al conseguimento del vero bene dell’uomo stesso, che è la sua felicità. S. Tommaso fa uno studio profondo e accu­ratissimo degli atti umani, dedicando a questo ar­gomento un’ampia trattazione della Summa Theologiae (I-II, qq. 6-21). Qui egli esamina attentamente la volontarietà e la moralità dell’atto umano studiando separatamente l’ogget­to, il fine (i moventi), la deliberazione, il consiglio, il consenso, la scelta, i mezzi, le circostanze, la bontà e la malizia dell’atto umano.

 

L’atto umano è l’atto in cui si esercita e si con­suma il libero arbitrio: è pertanto un atto che esige la collaborazione dell’intelletto e della volontà; esso si snoda attraverso tre fa­si: la deliberazione, il consiglio, la scelta o elezione; le prime due spettano all’intellet­to, la terza alla volontà. Tra gli atti umani occupa­no un posto speciale gli atti imperati: si tratta di atti comandati (imperati) dalla ragione, ma sotto la spinta della volontà. Procedendo dalla ragione gli atti imperati non competo­no agli animali. Possono essere "imperati" gli atti di ragione, perché questa si ripiega su se stessa, e ci sono cose che per sé non a convincono, lasciandola sospesa. Possono essere "imperati" anche gli atti di volontà, perché la ragione come giudica che sia bene volere una cosa, cosi può anche imperare di volerla. Possono essere "imperati" gli atti dell’appetito sensitivo se dipendono dall’a­nima, come l’immaginazione; non però se dipendono dal corpo; ma non possono esse­re "imperati" gli atti della vita vegetativa, perché sono naturali, e non possono essere imperati i movimenti delle membra che se­guono le forze naturali, ma soltanto quelli che obbediscono alla parte sensitiva o alla ragione (I-II, q. 17).

 

La bontà (e malizia) degli atti umani dipende da quattro coefficienti:

 

1)      l'azione in sé stes­sa, in quanto realtà; essa rappresenta la bon­tà generica;

 

2)      l'oggetto, perché l'oggetto specifica l'atto, e questa è la bontà specifica;

 

3)      il fine, che porta nell’atto un ordine di di­pendenza, e questa è la bontà causale;

 

4)      le circostanze, le quali sono accidenti dell’atto, e gli accidenti completano la sostanza; e questa è la bontà accidentale.

 

Solamente quando tutti quattro i coefficienti sono buo­ni si ha un atto buono; ma basta che un solo coefficiente sia cattivo, per avere un atto cattivo (I-II, q. 18).

 

              (Vedi: ARBITRIO, VOLONTA', MORALE)

__________________________________________________________